Recensione no spoiler: Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R. R. Martin

Salve a tutti! 😀 Oggi sono super emozionata! Si vede?
Finalmente è giunta l’ora di presentarvi la mia recensione di questa saga sorprendente. La mia preferita in assoluto.

Queste sono le edizioni originali di A song of ice and fire (Cronache del ghiaccio e del fuoco).

250px-Bookset

Per prima cosa qualche informazione, poi la trama. Niente spoiler, è tutto abbastanza “contenuto”. Su wikipedia si legge molto di più.

INFORMAZIONI:

– Le Cronache del ghiaccio e del fuoco (A Song of Ice and Fire) è una serie di romanzi fantasy scritti dall’autore statunitense George R. R. Martin.

– Martin incominciò a scrivere la saga nel 1991, e il primo libro venne pubblicato negli Stati Uniti nel 1996.

– I libri sono 5 (nell’edizione originale) e il sesto non è ancora uscito; è previsto anche un settimo.

– La storia si svolge in un mondo immaginario composto da due continenti principali, Westeros e Essos, dove la civilizzazione è di tipo feudale e la magia e le creature leggendarie (come i draghi) sono esistite ma si reputa siano scomparse.

Non dico altro per evitare grossi spoiler. Se volte sapere di più, cliccate qui. Su wikipedia c’è scritto tutto.

TRAMA DEL PRIMO LIBRO: A Game of Thrones (Il Trono di Spade)

Qui sotto riporto la trama come è scritta nella retro della copertina.

Il-trono-di-spade-mondadori

⇐ Questa è la “prima parte” di una delle edizioni italiane del primo libro.

La Mondadori, infatti, ha diviso A game of Thrones in due libri (Il trono di spade e Il grande inverno). Per evitare spoiler riporterò solo la trama de Il Trono di spade.

A Game of Thrones (Il Trono di Spade)

In una terra fuori dal mondo, dove le estati e gli inverni possono durare intere generazioni, sta per esplodere un immane conflitto. Sul Trono di Spade, nel Sud caldo e opulento, siede Robert Baratheon. L’ha conquistato dopo una guerra sanguinosa, togliendolo all’ultimo, folle re della dinastia Targaryen, i signori dei draghi. Ma il suo potere è ora minacciato: all’estremo Nord, la Barriera – una muraglia eretta per difendere il regno da animali primordiali e, soprattutto, dagli Estranei – sembra vacillare. Si dice che gli Estranei siano scomparsi da secoli. Ma se è vero, chi sono allora quegli esseri con gli occhi così innaturalmente azzurri e gelidi, nascosti tra le ombre delle foreste, che rubano la vita, o il senno, a chi ha la mala sorte di incontrarli?

TRAMA PIÙ DETTAGLIATA (non ci sono spoiler eccessivi, ma, se volete evitarli completamente, non leggete e passate direttamente alla recensione).

La storia è ambientata nel continente di Westeros (chiamato continente occidentale), un luogo dove le estati e gli inverni possono durare intere generazioni.

Anni prima degli eventi narrati, nel regno ci fu una guerra contro il folle sovrano della dinastia Targaryen. Ora, sul Trono di spade, siede l’usurpatore Robert Baratheon, che nel romanzo si dirige verso Grande inverno, nel nord, per convincere il suo vecchio amico Eddard Stark a divenire Primo Cavaliere. Questo perché il precedente primo cavaliere, Jon Arryn, è morto in circostanze misteriose.

A Nord, invece, oltre la Barriera – una muraglia di ghiaccio che separa il regno dalle popolazioni barbare – delle strane creature, gli Estranei, sembrano risvegliarsi.

MIA OPINIONE PERSONALE:

Ormai chi mi conosce lo sa. Vado matta per questa saga. E amo anche la serie, per dirle tutte…

La saga è scritta divinamente, con uno stile chiaro, preciso e forte. E una storia più che sorprendente e davvero molto originale e ben strutturata.

È un fantasy completamente diverso da quelli in cui ero abituata.

  • Non ci sono le solite creature fantastiche.

Io amo elfi, nani, maghi ecc. (ve ne accorgerete presto), ma è stata veramente una grande scoperta leggere un fantasy così diverso e affascinante.

I draghi sono in un contesto talmente realistico da farti quasi dubitare che siano creature immaginarie. Per non parlare degli Estranei, figure così misteriose che ancora adesso, dopo aver letto anche il quinto libro, mi affascinano oltremodo e non vedo l’ora che esca il sesto per capirne di più.

  • La magia: io adoro la magia… ed è qui che arriva una vera chicca. La magia non manca in Cronache del ghiaccio e del fuoco; è solo un po’ nascosta. Resa realistica in un modo sottile, distribuita come il fantasy, con il contagocce, ancora più misteriosa e oscura.
  • Gli intrighi: intrighi di corte? Mi sono sempre piaciuti, ma ho scoperto di esserne attratta particolarmente proprio leggendo questa saga.

È vero, possono essere pesanti, molto impegnativi e troppi, difficili da seguire e ricordare, ma vi assicuro che questi non sono mai noiosi. Stai sempre lì a chiederti quale sarà il prossimo intrigo, chi manovrerà chi, quale personaggio la spunterà in questa nuova sottotrama… una cosa davvero affascinante.

  • Avventura e ambientazione: tranquilli, però, l’avventura non manca. E nemmeno le battaglie. Sono inserite magari in modo meno evidente, ma non è che un altro grosso punto positivo. Rende tutto più misterioso, ancora più epico.

I viaggi non mancano e l’ambientazione suggestiva, dettagliata e realistica rende tutto più emozionante. Il mondo immaginario di Martin è grandioso!

  • Personaggi: Altro gioiello di Cronache del ghiaccio e del fuoco sono i personaggi. Sono tantissimi. Martin ha creato davvero un altro mondo. Migliaia di personaggi, famiglie, casate… una meraviglia! All’inizio facevo un po’ di confusione, ma il primo capitolo già ti rapisce per cui non ha molta importanza ricordare subito ogni nome.

Io li amo tutti, incondizionatamente, almeno quelli principali. Sono profondi, ben caratterizzati, con un profilo caratteriale ben definito ma ricco di sfumature. Quale Christian Grey… qui ci sono Eddard Stark, Tyrion Lannister, Jon Snow e la mitica Daenerys Targaryen. Difficile dire chi sia il migliore. Sono tutti grandi personaggi, persino quelli meno importanti ed è stato sconcertante, per me, rendermi conto di quanto siano perfetti. Persino i personaggi che, all’inizio, non si può non odiare, poi si arriva a provare quasi pietà per loro. Si arriva a comprenderli tutti. Sono pochi quelli che rimangono disprezzabili fino alla fine.

  • L’ultima chicca, poi basta sennò non finisco più. La trama e i colpi di scena: Questo particolare l’ho inserito per ultimo, ma non è meno importante degli altri. Questa saga ha davvero una trama complessa, ricca di dettagli e colpi di scena sorprendenti. Non dico altro perché voglio evitare spoiler.

PRO:

Beh, scusate… ma io non riesco a trovare qualcosa che non sia un pro.

+ i personaggi: Ned è un grande! Ma anche Tyrion, Jon, Dany… Giuro, non c’è

personaggio in questa saga che non mi sia piaciuto o mi abbia in

qualche modo colpito e affondato.

+ Ambientazione unica

+ Gli intrighi, trame, intrecci, sottotrame… tutto troppo affascinante e coinvolgente.

+ la coerenza tra personaggi, fini e fatti.

+ lo stile di scrittura.

+ i dialoghi. Meravigliosi e ben fatti.

CONTRO:

Nessuno che abbia davvero importanza. Andate in giro quanto volete a lamentarvi della lunghezza esagerata dei libri, del fatto che Martin ci sta mettendo una vita a scriverli tutti. A me non importa. So che vuol dire scrivere. Ho provato più di una volta a finire un romanzo ed è una vera impresa. Perciò Martin è solo da lodare. Ci ha messo una vita, ma che romanzi!

L’unica nota degna di contro è, forse, il fatto che tutti questi intrighi, dopo un po’, mettono confusione. Poi si tende a dimenticarsene un bel po’, ma, insomma, ci sono i riassunti no? In effetti io ho avuto non poche difficoltà per questa cosa, ma, giuro, ne è valsa la pena.

Per riassumere:

Draghi in un contesto super realistico, magia inserita in un modo sottile e oscuro, intrighi di corte a non finire e un mare di personaggi davvero ben fatti.

Martin sa catapultarti in un mondo tipo medievale, grazie a una narrazione affascinate ricca di dettagli e particolarità e dialoghi e battute stupefacenti. Inoltre sa stupirti con i continui colpi di scena e uno stile davvero unico ed emozionante, oltre che assolutamente imprevedibile.

MI PIACE? Cavoli se mi piace! L’ho detto no? ne vado matta!

Lo consiglio? Assolutamente sì.

Va benissimo anche per adulti, anzi ancora meglio.

Se vi piace il fantasy e siete affascinati dal Medioevo e simili,

vi prego non perdetevelo.

___________   _____ _________ _____   __________

Temo di non essere l’unica ad aver fatto un incredibile confusione tra tutte le edizioni italiane della saga. Penso che farò un post dedicato a questo, così da fare un po’ di chiarezza.

Grazie a tutti per la lettura, 🙂

– Erin Wings K. – 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...