Perché scrivo

cropped-cropped-cropped-cropped-cropped-effetto-cinema13.jpg

Fin da piccola mi piaceva scrivere. Ho sempre avuto una gran fantasia, che, purtroppo, col tempo sembra quasi essersi spenta, anche se non del tutto. Si sa, i bambini hanno più fantasia degli adulti! Agli inizi, come molti bambini, adoravo disegnare, poiché agli occhi di una bambina di sei, sette, otto anni, i suoi disegni sono sempre perfetti. Credevo davvero di essere brava.

Col tempo ho capito che il disegno, per quanto sia ancora adesso una mia passione, non fa parte delle mie capacità, non è un mio talento. Insieme a questa consapevolezza che ancora adesso mi fa male, si è sviluppata in me una gran voglia di scrivere, di imprimere sulla carta ciò che prendeva forma nella mia testa e che non riusciva a disegnare. Le lettere, le parole che imparavo a scrivere con una penna, erano la via d’uscita dai problemi, dai dolori, dalle prese in giro. Fantasie da ragazzina, favolette che si rileggessi adesso, se solo ce le avessi, probabilmente mi farebbero ridere. A quei tempi, però, io ci credevo. Non ero ancora la ragazza solitaria, insicura e spaventata per il futuro.

Praticai anche diversi sport, nella mia infanzia e inizio adolescenza, ma nessuno mi piacque abbastanza da volerlo continuare. Così abbandonai il nuoto, il karate, twirling e accantonai alcune mie passioni, oltre al disegno, come il canto e la musica.

La scrittura,invece, rimase. Come la mia voglia di creare mondi nuovi, migliori di quello in cui vivevo io. Mondi, storie, dove io ero bella, brava a scuola e dove mio padre non era volato in cielo. Mi rifugiavo in quel mondo dorato che, in qualche modo, fu la mia salvezza. Ancora adesso lo è, una cura per la mia ansia, per i momenti di tristezza e insicurezza, per liberare quei mondi e le idee confuse e stenderle, con la mia calligrafia incostante e indecisa, su un foglio bianco. Quel magico foglio bianco che è madre del mio scopo nella vita.

Scrivere è arte e l’arte risiede nell’anima. Tutto ciò che viene dall’anima, è sacro. Scrivere è la mia musica, la mia tastiera d’un pianoforte;  le linee con cui dipingo i miei disegni, le immagini che vedo ogni giorno e che recito in silenzio.

La verità è che io scrivo, perché scrivere è tutto ciò che mi fa andare avanti. La mia unica follia e l’insicurezza più piacevole.

E spero di continuare a farlo. Sempre.

Irene Sartori (Erin Wings-Krown).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...