Recensione – La biblioteca perduta dell’alchimista

Buon pomeriggio a tutti e buon inizio settimana! 🙂
Oggi vi lascio la mia opinione sul seguito de “Il mercante di libri maledetti“.biblioteca-perduta-dell-alchimista.jpg

Autore: Marcello Simoni
1ª ed. originale: 2012
Genere: romanzo
Sottogenere: thriller/storico
Lingua originale: italiano
Ambientazione: 1227, Francia 
Protagonisti: Ignazio da Toledo
Serie: Trilogia del mercante di Reliquie
Preceduto da: Il mercante di libri maledetti

Seguito da: La biblioteca perduta dell’alchimista

 

La biblioteca perduta dell’alchimista è un romanzo di Marcello Simoni, pubblicato per la prima volta in Italia nel 2012; è il secondo capitolo della saga che vede come protagonista Ignazio da Toledo, dopo Il mercante di libri maledetti.

 

TRAMA:

Quali misteri nasconde il Turba philosophorum, il libro segreto degli alchimisti? È la primavera del 1227 e la regina di Castiglia è scomparsa in modo misterioso. Strane voci corrono per il regno e alcuni parlano di un intervento del Maligno. L’unico in grado di risolvere l’enigma è Ignazio da Toledo, grande conoscitore dei luoghi e delle genti grazie ai suoi numerosi viaggi tra Oriente e Occidente e alla sua capacità di risolvere arcani e antichi misteri. A Cordoba, dove Ignazio viene convocato, incontra un vecchio magister che gli parla di un libro che tutti stanno cercando e che potrebbe dargli indizi sull’accaduto. Ma il giorno dopo verrà trovato morto avvelenato. Le ricerche del mercante di reliquie partono subito fino al rinvenimento del mitico Turba philosophorum, un manoscritto attribuito a un discepolo di Pitagora, che conserva l’espediente alchemico più ambito al mondo: la formula per violare la natura degli elementi. L’incontro poi con una monaca e con un uomo considerato da tutti un posseduto, ma in verità affetto da saturnismo, indirizzeranno Ignazio verso il castello di Airagne e dal suo misterioso signore, il Conte di Nigredo. Qui è custodito un terribile segreto, ma non sarà facile mettersi in salvo dopo averlo scoperto…

LA MIA OPINIONE

Dopo essere rimasta piacevolmente colpita dal primo libro “Il mercante di libri maledetti”, non vedevo l’ora di tuffarmi nel secondo. 
Che dire, iniziai la lettura con grande entusiasmo, ma dei primi capitoli rimasi delusa. Non mi prendevano abbastanza. Poi invece la storia si è fatto davvero interessante, anche più del libro precedente. 
Mi è piaciuto molto rivedere i personaggi, come Ignazio, è stato emozionante rivivere un’altra avventura con loro.

Come dicevo la storia è molto intrigante, anche l’ambientazione è bene fatta, lo stile è scorrevole, le atmosfere sono sensazionali.
I personaggi sono stati secondo me inferiori come profondità rispetto al primo libro, ma il tutto rimane affascinante e coinvolgente comunque.
Il punto forte: la trama, ricca di colpi di scena, mistero, e forse più originale di quella del romanzo precedente.

In sintesi: Come per Il mercante di libri maledetti, affascinante, coinvolgente, avventuroso, ben strutturato. Libro piaciuto, ancora complimenti all’autore!

E voi, avete letto questo libro? Cosa ne pensate? O invece vi ho invogliato a leggerlo? Se la recensione vi ha interessato lasciate un commentino, e magari anche un voto 😉 cliccando il banner qui sotto. Potete anche votare la qualità del blog…

sito

Annunci

2 pensieri riguardo “Recensione – La biblioteca perduta dell’alchimista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...