Parlando di libri #3 – I nuovi arrivati

Salve a tutti! 😀
Oggi sono felicissima, perché ho ben sei libri appena inclusi nella mia libreria. 

CIMG6569

Ve li presento, anche se dalle immagini ne ho già fatti vedere sei. I miei nuovi arrivati sono: 

Cime tempestose, Frankestein e Dracula, che vedete in foto sopra (sono davvero i miei libri, quelli *-*) 
Poi Jane Eyre, Ivanhoe, e si chiude con un thriller, Virgin.

Vediamoli un po’, senza dilungarmi troppo e senza sostanziali spoiler.CIMG6576

Autore: Charlotte Brontë

1ª ed. originale: 1847

Genere: romanzo

Lingua originale: inglese

Ambientazione: Inghilterra, 1820 circa

Protagonisti: Jane Eyre

Coprotagonisti: Edward Rochester

Jane Eyre (originariamente pubblicato col titolo di Jane Eyre: An Autobiography) è un romanzo di formazione della scrittrice inglese Charlotte Brontë, uscito nel 1847 sotto lo pseudonimo di Currer Bell e rivelatosi come il capolavoro della scrittrice inglese.

Il racconto è scritto in forma autobiografica, con la protagonista, Jane Eyre appunto, che si rivolge in modo diretto al “lettore”; lo stile presenta aspetti puntualmente descrittivi dell’ambiente e dei personaggi, insieme all’approfondimento dell’evoluzione della protagonista dal punto di vista emotivo, morale e sentimentale.

Premetto che ho già cominciato a leggerlo e finora non mi dispiace affatto. la storia già la conosco abbastanza bene poiché ho visto uno dei film, ma come potevo non dare spazio anche al libro? Per ora non mi ha delusa, spero solo che non sia troppo triste per me. Io sono un animo sensibile, e tendo  a deprimermi se la situazione è troppo drammatica. Devo ammettere però che è scritto dannatamente bene, punto a favore per la Brontë. Non so se mi farà impazzire, ma sicuramente si rivelerà una lettura appassionante. 

Ora passiamo a un altro, che sinceramente non vedo l’ora di leggere.

Ivanhoe

Autore: Walter Scott

1ª ed. originale: 1819

Genere: romanzo

Sottogenere: Storico

Lingua originale: inglese

Ambientazione: Inghilterra, 1194

Ecco, gente, qui ci avviciniamo un po’ di più al mio genere. Nonostante anche Ivanhoe faccia parte della letteratura classica, io lo considero comunque un romanzo di genere (storico, per l’appunto, come dice wiki).

Ivanhoe è un romanzo storico di Sir Walter Scott, ambientato in Inghilterra intorno al 1194. Il romanzo è considerato dagli studiosi come il primo vero esempio di genere storico.

In pratica, secondo gli studiosi, da quanto riporta wikipedia, questo romanzo sarebbe il padre degli storici. Figuriamoci come posso non leggerlo! XD Già l’ambientazione mi fa fremere d’entusiasmo, speriamo solo che non sia una lettura troppo complessa. Ma se lo è, almeno leggerò qualcosa di diverso e rafforzerò le recenti modifiche al mio stile di scrittura.
Spero proprio che sarà una lettura interessante, se qualcuno di voi l’ha letto mi dica pure se gli è piaciuto (ovviamente evitando spoiler).

CIMG6569

Ho ripreso la foto di prima, dato che ora parlo di: Cime tempestose, Frankestein e Dracula. Amori miei ❤ guardate quanto sono belli! Avrei voluto copertine con edizioni più originali, ma “bisogna risparmiare”, perciò mi sono accontentata. In ogni caso sono talmente perfetti che li sfoglio in continuazione.

Per ora non ho iniziato a leggerli, dato che mi sono dedicata subito a Jane Eyre, ma penso che il primo che leggerò sarà Dracula, perché mi attira troppo. Oppure Frankestein, che è un po’ più corto. Ebbene, ecco un eterno dilemma! XD Il problema di comprarne troppi e tutti assieme!

Va bene, basta divagare, vediamoli un po’ singolarmente.

IMG_20150916_163051

Autore: Emily Brontë

1ª ed. originale: 1847

Genere: romanzo

Sottogenere: classico

Lingua originale: inglese

Ambientazione: 1757 -1802

Cime tempestose (titolo originale in inglese: Wuthering Heights) è l’unico romanzo di Emily Brontë, scritto fra l’ottobre 1845 e il giugno 1846. Pubblicato per la prima volta nel 1847, sotto lo pseudonimo di Ellis Bell; mentre una seconda edizione postuma fu curata da sua sorella Charlotte nel 1850.

Il titolo viene dal nome di una delle tre principali ambientazioni del libro (Wuthering Heights, Gimmerton, Thrushcross Grange) il casale nella brughiera dello Yorkshire originariamente di proprietà degli Earnshaw, là ove fu allevato Heathcliff e dove la storia si sviluppa.

Devo dire che sono molto attratta da questo libro. Penso di avere visto uno dei film tratti, ma non ricordo moltissimo, so solo che non vedo l’ora di leggerlo!

CIMG6571

Autore: Mary Shelley

1ª ed. originale: 1818

Genere: romanzo

Sottogenere: gotico, fantascienza, horror

Lingua originale: inglese

Ambientazione: XVIII secolo

Protagonisti: Victor Frankestein

Antagonisti: La creatura

Frankenstein, o il moderno Prometeo (Frankenstein; or, the modern Prometheus) o semplicemente Frankenstein è un romanzo scritto dall’autrice britannica Mary Shelley fra il 1816 e il 1817, all’età di 19 anni. Fu pubblicato nel 1818 e modificato dall’autrice per una seconda edizione del 1831. È questo il romanzo con cui nascono le figure letterarie del dottor Victor Frankenstein e della sua creatura, spesso ricordata come mostro di Frankenstein, ma anche, in maniera erronea, con lo stesso nome del suo artefice.

È probabile che si debba alla figura del mostro, espressione della paura, al tempo diffusa, per lo sviluppo tecnologico, se il romanzo è divenuto immortale. Frankenstein è uno dei miti della letteratura proprio perché affonda le sue radici nelle paure umane. La “creatura” è l’esempio del sublime, del diverso, che in quanto tale causa terrore.

Dalla pubblicazione del libro, il nome di Frankenstein è entrato nell’immaginario collettivo in ambito letterario, cinematografico e televisivo. È inoltre spesso utilizzato, per estensione, come esempio negativo in quello bioetico, alludendo al fatto che il suddetto dottore compisse esperimenti illeciti o eticamente discutibili.

Anche questo sono davvero ansiosa di leggerlo, dato che un po’ s’avvina a un genere per me molto affascinante.

CIMG6573

Autore: Bram Stoker

1ª ed. originale: 1897

Genere: romanzo

Sottogenere: gotico, horror, romanzo epistolare

Lingua originale: inglese

Ambientazione: Transilvania e Inghilterra

Dracula è un romanzo scritto dall’irlandese Bram Stoker nel 1897, ispirato alla figura di Vlad III principe di Valacchia.

Scritto in forma di stralci di diari e di lettere, Dracula è uno degli ultimi, se non l’ultimo, dei grandi romanzi gotici. Riprendendo il mito del vampiro, lanciato nella letteratura da John William Polidori, Stoker realizza un romanzo dalle atmosfere cupe, in cui l’orrore e la minaccia assillano i protagonisti, in un crescendo di emozioni che conduce alla scoperta dell’orrore rappresentato dal tetro vampiro.

Come storia ovviamente mi attira moltissimo, adoro il personaggio di Dracula, ho visto anche il film (quello del 1992) che mi è piaciuto parecchio. Un po’ meno mi attira la scelta di scriverlo in forma di diari e lettere, perché, per quanto particolare, mi sembra poco coinvolgente, di solito preferisco una narrazione più diretta, ma vedrò di farci i conti.

E ora il bonus, o meglio la pecora nera. Perché in mezzo a tutti questi classici spunta ora un thriller.

VirginPortogallo, 1917. «Non abbiate paura: non voglio farvi del male», ha detto la Madonna ai tre pastorelli. E poi ha consegnato loro un inquietante messaggio: due vergini daranno contemporaneamente alla luce due bambini: il primo sarà il discendente di Cristo; l’altro sarà il figlio di Satana … Stati Uniti, 1997. Mentre l’intero pianeta è devastato da epidemie, da siccità e da carestie, in Vaticano giunge la notizia che due adolescenti, ancora vergini, stanno aspettando un bambino: la prima a Boston, l’altra in un villaggio irlandese. La Profezia di Fatima si è dunque avverata? Il papa affida a padre Rosetti l’incarico di indagare con la massima discrezione e l’arcidiocesi di Boston gli affianca Anne Fitzgerald, una ex suora diventata investigatrice privata. Ma sarà assai difficile per entrambi sconfiggere i demoni che si troveranno ad affrontare…

Che dire, mi sembra alquanto attraente come lettura per gli amanti dei thriller (quale io non sono xD, ma ci proverò, perché tutto sommato mi attira come trama).

Ora vi lascio, questo articolo è stato anche troppo lungo, non ho alcuna intenzione di annoiarvi. 🙂
Aspetto i vostri commenti! Ma ricordatevi di non farmi spoiler riguardanti i libri, perché devo ancora leggerli.
Vi ricordo inoltre che, se vi è piaciuto (non so cosa, perché non è molto XD ) potete lasciare un votino al blog.

Grazie di ❤
-Erin Wingssito internet

Annunci

11 pensieri su “Parlando di libri #3 – I nuovi arrivati

      1. Intendi il film di Coppola? C’è lo scisma per colpa di quel film xD chi preferisce quello e chi lo considera assolutamente apocrifo. A me il film piace, ma ha messo l’aggiunta della storia d’amore oltre il tempo che non c’è assolutamente nel romanzo. Il romanzo ha troppe posizioni geografiche e io mi perdo con le descrizioni… la prima parte mi è piaciuta davvero, la fine mi ha delusa un po’.

        Mi piace

      1. Ma non leggerli tutti alla volta D: massimo due a volta ma concentrati su uno e assaporarlo al meglio… almeno io faccio così xD Di solito leggo in contemporanea un manga, un romanzo e una biografia, così richiedono diversi tipi di concentrazione e smisto le diverse conoscenze. Se li leggi tutti assieme finisci per non assaporarli tutti per bene :/ poi è un mio consiglio ^^”

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...