Piccoli angeli

Dopo “Contro la violenza sulle donne”, un altro argomento che mi sta molto a cuore (dato che ho una sorella “piccola”) e non meno importante, è quello del 20 novembre.

Questo articolo è dedicato a tutti i bambini del mondo (specialmente quelli malati e quelli che soffrono), a quelli che conosco e a quelli che non conoscerò mai e anche a quelli che devono ancora venire. Un particolare abbraccio a mia sorella Giulia, a cui non dico abbastanza spesso quanto davvero le voglio bene.

Scritto per il 20 novembre, giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

I diritti sono una parte di ciò che ci accomuna. Grandi, piccoli, belli, brutti.

Oggi, quelli più importanti, sono i diritti dei bambini. Un nome, un tetto, due genitori, cibo e acqua pulita. Istruzioni, giochi … si, anche giochi. Perché se non giochiamo da bambini, quando possiamo farlo? Da adulti c’è il lavoro ad occupare le nostre vite. Per i bambini ci deve essere lo svago; e deve esserci l’impegno che una scuola può dare, per accrescere la loro conoscenza e la loro intelligenza.

Non posso trattenere le lacrime, quando sento certe cose. Violenza, rabbia, assassini, odio. Si può odiare, arrabbiarsi, litigare, uccidere con le parole (anche se non si dovrebbe fare, è chiaro); ma come si può “toccare” un bambino?

Come si può far del male a quella carne fragile, a quei cuoricini piccoli, a quelle anime libere e nutrite dalla fantasia … Come si può anche solo pensar di nuocere a tale bellezza?

Si può rimproverare, si può insegnare, si può punire senza far del male. Perché picchiare? Perché maltrattare? Perché fare violenza a quei volti delicati, che tante carezze dovrebbero ricevere?

Abusi, questo hanno i bambini, invece che giocattoli nuovi. Botte, invece che affetto, cattiveria, invece che educazione. Perché? Perché arrivare a questo? Un bambino capriccioso si può “domare” con l’amore; un bambino viziato, con l’intelligenza.

Tutto perché gli adulti non ricordano abbastanza di quando erano bambini. E quelli che ricordano, non vogliono ricordare. Oppure certi ricordi dell’infanzia sono talmente dolorosi che non riescono a dare affetto a un bambino?

Tutto questo non dovrebbe essere.

Oggi, 20 novembre 2014, io chiedo clemenza per loro. Nemmeno tanto, solo un po’, un minimo di bontà.

Siamo solo essere invidiosi, cattivi, capaci solo di orgoglio, che poi nelle misure giuste non è niente di male, e di errori su errori? No, non posso credere che sia così. Errare è umano, certo, ma non si può trattare un bambino come fosse un errore. Siamo noi adulti, che mettiamo al mondo i bambini; e allora spetta a noi dare loro il futuro che sognano. Senza abusi, umiliazioni, lavoro minorile e quant’altro. Loro non si meritano tutto questo. Chi fa loro del male, invece, meriterebbe di peggio. E chi non può dare loro quello che spetta per legge, dovrebbe essere aiutato. La povertà è sempre esistita, una cosa che non riesco a tollerare. Tutti dovrebbero avere la possibilità di crescere al meglio, forti e coraggiosi senza dover patire la fame o passare attraverso la guerra.

I bambini sono anime libere, come il vento, sono ali che possono farci volare se noi sappiamo coglierli nel giusto modo. Sono ciò che noi adulti siamo stati e non saremo mai più.

Allora amiamoli, per quello che sono; splendide creature che possono regalarci molto più di quanto noi potremo mai dare loro.

I bambini sono ciò che di più importante c’è al mondo; raggi di speranza, la nostra salvezza.

Piccoli angeli del nostro futuro.

“I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto”. Giacomo Leopardi.

Certo, oggi non è il 20 novembre, ma che importa? I diritti devono essere tali ogni giorno. I bambini non dovrebbero soffrire mai, perché sono gli umani più puri della Terra e anime scritte nell’orizzonte.

Grazie per la lettura 🙂

© Irene Sartori (alias Erin Wings).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...